Roma – Vivido Security Day

Scritto il 26 febbraio 2011 @ 12:28:51


Il workshop si è tenuto il 24 febbraio 2011 a Roma all’ Hotel Valadier  con la partecipazione di STONESOFT e PGP e la collaborazione di READY INFORMATICA .

Hanno partecipato molte pubbliche amministrazioni ed operatori del settore, è stato incentrato sul tema delle “opportunità” che si possono cogliere nell’adozione di alcune “policy di security” nell’ambito IT.

In tale contesto l’Ing. Salvatore D’Emilio consulente di VIVIDO, ha posto l’accento sul “patrimonio primario”delle informazioni di ogni organizzazione, delineando le minacce la cui concretizzazione si traduce in danni” economici,d’ immagine e sanzioni legali”.

Pertanto la adozione di un SGSI (sistema di gestione della sicurezza delle informazioni), ha lo scopo di attuare, stabilire, esaminare in maniera attiva la sicurezza delle informazioni.
D’Emilio ha proseguito illustrando che tutto ciò si traduce in riduzione dei costi, ottimizzazione delle risorse, strategia possibile, ritorno di immagine, governo della sicurezza.

Successivamente Paolo Ballanti responsabile delle partnership e alleanze di STONESOFT ha presentato la piattaforma di Stonegate per la sicurezza logica.
Questa architettura rappresenta la visione di insieme per la protezione, business continuity e governance della sicurezza.
Ballanti ha poi esibito uno studio durato tre anni, realizzato dal centro ricerca e sviluppo di STONESOFT sulle AET (tecniche avanzate di evasione), in poche parole qualunque dispositivo IPS (tranne quello si STONESOFT) non è minimamente in grado di fronteggiare queste tecniche, con il risultato di venire completamente bypassato da un attacco che utilizzi tali tecniche… esattamente come se tale IPS non esistesse.

La cosa grave è che queste tecniche avanzate, risultando completamente invisibili, permettono di veicolare all’interno delle reti non solo attacchi di tipo 0-day(attacco informatico che colpisce il giorno stesso la scoperta della falla di sicurezza per cui ancora non sono stati trovati rimedi:patch) ma anche tutti gli attacchi già noti e per i quali le firme sono presenti nei DB degli IPS; peccato che questo non conti più nulla perché gli IPS non rilevano la connessione che veicola l’exploit).

Infine Efrem Pozzati product manager di READY INFORMATICA  per PGP azienda di recente acquisizione da parte di SYMANTEC, ha presentato PGP Encryption Plattaform,crittografia completa ed economicamente efficiente per la protezione dei dati aziendali.
Pozzati ha messo in luce i vantaggi della piattaforma PGP che sono riconducibili ad un funzionamento semplice ed automatizzato, rafforzamento delle procedure di sicurezza, ed una riduzione dei costi operativi.

Ringraziamo per la gradita presenza  Corrado Giustozzi, divulgatore specializzato nell’ambito della sicurezza informatica e autore del libro “La sindrome di Fort Apache: la sicurezza delle informazioni nella società postindustriale”, con il quale abbiamo omaggiato tutti color che sono intervenuti.

Qui alcune foto

Valerio Venanzi – Commerciale – Roma

Share

Safeword entra a far parte di Aladdin Knowledge Systems

Scritto il 4 settembre 2008 @ 16:40:57


Il 4 Settembre, Aladdin Knowledge Systems completa l’acquisizione della linea di prodotti Safe Word da Secure Computing.

Safe word la migliore soluzione di one-time-password per l’accesso sicuro, certificato per i maggiori vendors, Citrix, Cisco, Microsoft, allarga cosi la sua gamma di prodotti inserendo a portafoglio importanti soluzioni che derivano dall’esperienza di  Aladdin, quali e-token family of USB, OTP devices, PKI e tokn management solutions software.

Share

Secure Computing

Scritto il 13 giugno 2008 @ 12:31:57


Con Secure Computing Vivido introduce argomenti riguardanti la Sicurezza sull’uso del Web e della email introducendo un elemento di forte innovazione che si basa sul concetto della “reputazione”. Oggi Web e Email Security sono un vantaggio competitivo,anche in funzione delle recenti normative che regolano i rapporti impresa-credito e impresa-mercati internazionali, con le quali le organizzazioni non possono esimersi dal confronto.

webwasher

Share